RELAX A 4 ZAMPE…ANCHE I CANI AL CENTRO BENESSERE

Una vita da cani! Questa espressione, comunemente usata per indicare la durezza e le difficoltà che l’esistenza sa riservare all’uomo, potrebbe assumere tutto un altro significato. Diciamo che in questi tempi assurdi quasi quasi conviene esser cani di padroni un po’ strambi e facoltosi.
La riflessione bizzarra mi è venuta leggendo dell’esistenza di centri benessere e Spa per i nostri amici a quattro zampe. La curiosa tendenza è nata in America, manco a dirlo.
cane spa   cane spa1
Allora premessa necessaria: adoro i cani, mi piacciono un sacco – quelli piccoli tipo il chiwawa un po’ meno ad esser sincera- ma insomma è per dire che il cane nel mondo animale merita un posto d’onore. Capisco anche la grande attenzione e lo sconfinato affetto dei padroni verso i loro fidi e ne condivido le cure.
Detto questo, proprio non riesco a digerire il fatto che la nostra società si sia attrezzata di terme per cani. Non mi addentrerei in discorsi di tipo etico fin troppo scontati su crisi e povertà, ma pensiamo allo sventurato cane.

Alcune di queste Spa vantano musica rilassante, candele profumate e ambiente ovattato per gli ospiti pelosi pronti per un’acconciatura o per una maschera di argilla. Immaginate il vostro bel pastore tedesco con bigodini e cuffietta. Che umiliazione!
Altre Spa canine puntano al debutto in società e assicurano ai proprietari uno staff di professionisti pronto ad insegnare il bon ton al cucciolo. Negli stessi centri è possibile chiedere consulenze su problemi comportamentali o cimentarsi nel freestyle (il ballo con il cane). Ci sono terme, infine, che mettono a disposizione sedute di yoga e, per gli animali più tristi, lo psicoanalista veterinario.
Sembra una barzelletta, lo so, penserete che sto scherzando, ma purtroppo questa è una realtà paurosamente vera.

ASSOAllora, di fronte alla sconcertante fenomeno qualche piccola riflessione va fatta.
A te padrone del cane triste, prima di precipitarti dal professionista che proverà gusto a spillarti quattrini per psicoanalizzarti il cane e dirti che la causa dei suoi complessi certamente sei tu…consiglio prudenza.
A te padrone desideroso di un cane trendy, profumato e dal pelo idratato, ti capisco pure, ma non c’è bisogno di esperti zoologi per capire che l’animale potrebbe puzzare un po’ e magari è nella sua natura!Forse in questi casi bisogna orientarsi sui peluches.
A te padrone del cane stressato ma prossimo debuttante in società, prima di infilare il tuo fido in ambienti vaporosi, pieni di candele (un po’ pericolose visti i peli)…prova a riflettere sui documentari di Quark…hai mai visto Piero Angela fare la maschera di bellezza a un cane?
Invito tutti i padroni di cani alla riflessione … magari il vostro Bobby preferisce farsi una corsa faccia a faccia con la natura e tuffarsi in una bella pozzanghera di fango (pare che i fanghi abbiano proprietà nutrienti per il pelo del cane), accontentalo!

Vi lascio con una domanda: ma quale sarà la musica rilassante per i cani? Di musica da cani ne conosco tanta, ma non so se è proprio per cani. Ad ogni modo, tenete i cd di Gigi d’Alessio da parte, e metteteli su quando vedete il vostro cane ipercinetico…hai visto mai dovesse funzionare!

INFORMAZIONI PRATICHE PER GLI UMANI: Concedetevelo voi un bel centro benessere. Lo stress purtroppo è più faccenda umana che canina. Lasciate i vostri fidi alla natura e venite al Tangerine SPA.
Un giorno vi parlerò del cane che fa da guardia al nostro centro benessere, si chiama Asso, è un setter simpaticissimo e pazzerello…è di quelli stile “nature”…è un cane per intenderci, per cui potrebbe accogliervi con salti e slinguazzate!

P.S. Non me ne vogliano gli amanti di SPA per cani, si fa per scherzare, magari un giorno ci attrezzeremo anche noi.

Lorenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.