TERRACINA. UN MARE INCANTEVOLE A DUE PASSI DALLA CIOCIARIA

La Ciociaria non è sinonimo di mare, evoca immediatamente prati, colline, monti, pecore al pascolo e borghi incantanti in cui il tempo si è fermato.
Non ce lo proprio vedi il pescatore con la sua canna su un campo con le balle di fieno. Non è che sia un male, semplicemente…noi siamo altro, un po’ come un arrosticino di pecora è diverso da un’orata. In Ciociaria non ti capita di certo di incontrare delle graziose barchette dai colori sbiaditi dal sole, al massimo ti capita di imprecare contro il camioncino pieno di legna che circola a 2 km orari con il vento favorevole su stradine tutte curve e natura, quando tu sei, come sempre, in netto ritardo a lavoro.
Ma non lasciatevi ammaliare dalla barchetta con i suoi colori pastello pieni di salsedine, non è detto che sia più poetica…probabilmente l’abitante del mare non sa più vederla con occhi sognanti e lancia anche lui annoiate maledizioni per l’odore di pesce vecchio.
Comunque, estate per molti vuol dire mare, non c’è niente da fare. Stabilito che la Ciociaria e il mare sono due mondi diversi, possiamo ritenerci fortunati perché abbiamo la possibilità di raggiungere gli orizzonti azzurri del litorale pontino in tempo breve. Terracina, San Felice, Sabaudia, sono mete vicine e splendide. A me per motivi diversi piacciono tutte, ma in questo post ci concentriamo su Terracina.

terracina2

Terracina mi piace viverla con la bici. E’ un paese che si presta alle bike. Se vi va, potete affittarne una ed esplorare la città sulle due ruote anche voi. Vento tra i capelli, odore di mare, aria limpida, percorrete Viale Circe che affaccia sul mare, perdete il vostro sguardo fino alla linea netta dell’orizzonte dove cielo e mare si toccano, lasciatevi ispirare dal promontorio in cui si dice abbia abitato la Maga Circe.
Scegliete un pezzo di spiaggia libero o affittate un ombrellone in uno dei tanti bagni che si trovano sulla spiaggia e godetevi il mare. Quando vi va, rimontate in sella e dirigetevi al porticciolo sulla via del molo, osservate per un po’ lo spettacolo dei pescatori in attesa silenziosa di un movimento. Cercate con lo sguardo il monte Sant’Angelo in cima al quale spicca il tempio di Giove Anxur (assolutamente da visitare, molto suggestivo), la sagoma del monte dipinta sullo specchio d’acqua del porto vi catturerà. Qualunque ora sia, se avete un po’ di appetito, al porto trovate la cooperativa dei pescatori che a prezzi molto vantaggiosi vi offre una discreta selezione di piatti a base di pesce di giornata. Pedalando con la vostra fida andate verso piazza Garibaldi e godetevi la vita animata di Terracina, parcheggiate la bici e fate un bel giro sul corso principale curiosando tra i negozi. Proseguite, poi,  su Via Roma fino ad incontrare la traversa che vi porta in Viale della Vittoria, dove un susseguirsi di locali e negozi vi catturerà.

 historic

La parte che preferisco, però, non è questa, ma la Terracina alta, quella più antica. Arrivarvi con la bici è un po’ faticoso…ma se prendete via Annunziata potete camminare e portare la vostra bici a braccio. Sul percorso incontrerete due statue di leoni, custodi antichi dell’ingresso al foro. Sulla sinistra una piazzetta popolata da gatti e purtroppo anche di macchine è il ritrovo di molti giovani. Da qui la notte del 14 agosto potete godervi lo spettacolo dei fuochi d’artificio che colorano il cielo notturno.
Parcheggiate la bici e continuate il vostro cammino. Si aprirà davanti a voi la piazza del municipio di epoca romana, sede del comune e della cattedrale di San Cesareo, che conserva tuttora l’antica pavimentazione in lastre di calcare. Sulla piazza ruotava l’antico Foro Emiliano, centro cittadino del tempo dei romani. Attraversate la piazza e oltrepassate l’arco, incontrerete i resti di un teatro romano (parte della cavea con sedili e parte della scena) e il Capitolium, un tempietto di epoca romana. Perdetevi in questa parte di città e divertitevi a scoprire locali caratteristici. Ce ne è uno nascosto proprio dietro i resti romani, affaccia su una piazzetta e spesso c’è musica dal vivo. 
Questo è solo un assaggio di mare di un paese molto affascinante, solo per dirvi che…

… per vivere l’atmosfera bucolica della Ciociaria con un pizzico di brezza marina, il consiglio è: soggiornate presso l’Hotel Ambasciatori e concedetevi una giornata di escursione al mare. La reception sarà pronta a darvi tutte le informazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.