Mountain Bike: una domenica di freeride a Campocatino

Grazie a percorsi che partono dalla sommità della stazione sciistica di Campocatino per arrivare a valle – circa  1000 m di dislivello negativo e tracce che vanno da 6 a 12 km – il territorio di Guarcino si è imposto naturalmente come località di riferimento nel Lazio e nel centro Italia per mountain bike, in particolare per il downhill ed il freeride.

Pubblichiamo di seguito il racconto di una giornata in Mountain Bike Freeride organizzata dalle guide dell’Ambasciatori Place Hotel!

PRIMO GIRO. “Data la neve caduta nella notte ci si aspetta una giornata un po’ diversa e infatti il solito punto di ritrovo domenicale è più deserto del solito.

Si parte con la navetta dal centro di Guarcino alle 8,30. Giunti al piazzale in cima al monte e scattata qualche foto al gelo, si inizia la discesa. L’accesso delle nostre tracce preferite (“Frascara” e “Punta Della Valle”) è bloccato da un metro abbondante di neve farinosa. Purtroppo, siamo costretti a proseguire lungo l’asfalto per circa 4,2 km perdendo un po’ di quota. Controlliamo gli accessi delle altre discese fino a che non arriviamo alla “Veloce”, prima prova speciale della Guarcino Enduro Race 2018, costantemente ripida e guidata; anche questa è ricoperta da molta neve fresca, ma la pendenza e lo strato inferiore compatto fanno scorrere le nostre mountain bike dolcemente e morbidamente giù per i tornanti.

Arrivati al ramo principale della più lunga Gabriella, proseguiamo per il suo tratto più flow e pieno di salti, non a caso chiamato “Volante”, molto divertente anche con la neve.

Subito dopo, ci tuffiamo nella Pineta, l’ultima traccia ai piedi della montagna: si presenta completamente libera dalla neve e in tutta la sua tecnicità. Al termine del percorso, non rimane che un breve e rilassante tratto di asfalto in leggera discesa che ci riporta al centro di Guarcino per il secondo giro”.

1st ride
10,52 km percorsi
trails: Veloce (ps1), Volante, e pineta (ps4)

SECONDO GIRO. Per il secondo giro decidiamo di scendere nei pressi dell’Osservatorio Astronomico di Campocatino, famoso per le scoperte di asteroidi e pianeti extrasolari. Durante le notti d’estate, specialmente a San Lorenzo, l’Osservatorio diventa un punto di ritrovo “magico”, se capitate dalle nostre parti in estate, vi consigliamo una visita. All’Ambasciatori Place Hotel potrete trovare tutte le info.

Con le nostre mountain bike andiamo alla ricerca della traccia, detta “la Feliciara”, passando per il “tombino”, entrambe promettono velocità, salti e tecnicità tra rocce fisse e sconnesse come solo i Monti Ernici sanno offrire.

2nd ride

Giunti poco prima della fine della traccia, salutiamo gli amici Massimo e Gilles con le loro bici da DH e continuiamo il giro pedalando fino a l’imbocco della “Veloce”, la versatilità del posto permette di incrociare le varie varianti con le tracce principali dando sempre una continuità diversa ad ogni discesa.

2nd ride
19,14 km percorsi con 780 m dislivello
Tombino (ps2), Feliciara (ps3), risalita su asfalto e poi di nuovo Veloce (ps1) e Feliciara (ps3)

Curiosità

La nomenclatura “semi-ufficiale” dei sentieri che viene data da biker, escursionisti e tutti coloro che frequentano la montagna desta sempre curiosità. Spesso sono nomi dalle origini antiche, legati ad aneddoti storici tragici o divertenti; altre volte i sentieri prendono il nome dalle persone che li hanno scoperti o dai “trail builder”, cioè coloro che si fanno strada con cesoie e rastrello per ricavare quanto basta per creare un “Singletrack”, ossia un sentiero stretto dove si scorre uno alla volta.

Esistono anche nomi “a sensazione”, il più delle volte poco ortodossi ma perfettamente descrittivi di un percorso o di un suo tratto.

Chiedendo indicazioni ai Biker locali potreste non ricevere nomi e indicazioni presenti nella cartografia, ma osservando attentamente ciò che si ha intorno, vi accorgerete che le “pittoresche “ indicazioni ricevute sono più calzanti di qualsiasi traccia e ricevitore satellitare: salto del carro, jetta e rejetta, ‘mbracc’acchrist, roccetta festino, cavatappi, salto del toro, muro della fede….. e molti altri suggestivi appellativi. Venite a scoprirli tutti!

Montaggio video della giornata: https://www.youtube.com/watch?v=S4dPzWgoe4c

Mappa percorsi: https://www.trailforks.com/region/campocatino-15239/?activitytype=1&z=12.5&lat=41.81948&lon=13.31868

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.