Lo Zafferano Consapevole, una specialità tutta Ciociara!

È il colore la caratteristica più curiosa di questa spezia definita oro rosso: gli stimmi rossi estratti dai fiori diventano magicamente di un intenso colore giallo se immersi in un liquido caldo.

Le proprietà nutritive

Ma oltre al notevole sapore, colore e profumo, lo zafferano è un vero e proprio elisir di giovinezza con il suo potere antiossidante grazie all’alta presenza di carotenoidi, addirittura presenti in quantità maggiore rispetto alla stessa carota! La presenza della vitamina B1 e B2 poi favorisce la digestione e il metabolismo. Il risotto alla zafferano quindi, oltre ad essere davvero gustoso, fa anche molto bene!

Ma prima di arrivare al famosissimo risotto, lo zafferano ha viaggiato nel tempo e nello spazio e la sua fama si è diffusa in molteplici campi. Originaria dell’Asia occidentale, la pianta del Crocus sativus (nome scientifico della spezia) era già conosciuta dalle civiltà classiche e veniva utilizzata, oltre che come ingrediente in cucina, anche come colorante per le stoffe e come profumo.

I molteplici usi dello zafferano

Pare che i Romani sciogliessero lo zafferano nel vino per spruzzare questo composto nei teatri, sui roghi, nei talami e nei capelli; leggenda vuole inoltre che si utilizzassero i fiori per coprire le strade al passaggio dei principi e degli imperatori. Pare inoltre che re, regine e faraoni usassero lo zafferano per curare le ferite patite in battaglia e che amassero profumare con lo zafferano i guanciali del letto e dormire in letti cosparsi di pistilli di zafferano per aumentare le loro prestazioni amorose.

Fiori di zafferano
Fiori di zafferano prima della raccolta al mattino presto

Ebbene sì… storicamente lo zafferano ha sempre avuto la fama di afrodisiaco e questa sua peculiarità è ricordata dal mito greco di Crocus. Si narra di un amore infelice: quello di Crocus per la bellissima ninfa Smilace. Pare che il dio Ermes, mosso a pietà per questo sentimento non corrisposto o forse innamorato egli stesso di Crocus, volle trasformare il giovane in un bellissimo fiore e la ninfa in una pianta di tasso. Tre gocce di sangue, stillate dalla fronte dell’innamorato, caddero nella corolla, diventando i rossi stimmi dello zafferano. Sono solo tre gli stimmi di ciascun fiore, estratti rigorosamente a mano; vanno staccati con delicatezza affinché non si rovinino, poi vengono essiccati. Pensate che per ottenere un chilo di prodotto sono necessari circa 200.000 fiori, raccolti manualmente in circa 500 ore di lavoro! L’elevato costo dello zafferano è dettato proprio dal lavoro enorme richiesto dalla produzione.

Ma non disperate: per un saporito risotto giallo per 4 persone sono sufficienti circa 0,13 g di zafferano.
Dove è possibile acquistarlo? Se passate da queste parti, da qualche anno è nata a Veroli un’azienda che produce, oltre alle patate Vitelotte e il topinambur, questa preziosa spezia.

Il petalo viola

Monia e Alessandro, titolari dell’azienda Il Petalo Viola, credono in un’agricoltura consapevole e gestiscono le loro coltivazioni in modo responsabile, rispettando i ritmi, gli equilibri della natura e dell’intero ecosistema.
Non stressano il suolo con lavorazioni pesanti e invasive ma al contrario lo nutrono con sostanze vegetali, fanno vivere la coltivazione principale a contatto con le altre erbe che sviluppano una sinergia tra loro, con l’obiettivo di ottenere una spezia eccellente dalle proprietà organolettiche senza paragoni.

Lo zafferano ottenuto è di primissima qualità; viene confezionato in barattolini di vetro che ne garantiscono la conservazione.

Lavoro, dedizione, passione, innovazione, rispetto, amore, arte: tutto questo è lo Zafferano Consapevole

A brevissimo presso l’Hotel Ambasciatori potrete gustare, nei piatti del nostro ristorante, lo zafferano consapevole de “Il petalo viola”. Il nostro piatto forte a base di zafferano sono gli gnocchetti alla Campidanese, in una versione rivisitata dal nostro chef, a base di salsiccia, passata di pomodoro e zafferano (al posto del pecorino sardo previsto nella ricetta originale). Il sapore deciso ma non invasivo dello zafferano rende questo piatto davvero gustoso. Provare per credere!

Scegli di mangiare gli gnocchetti alla Campidanese al ristorante Il Grifoncino, all’interno dell’Hotel Ambasciatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.